lunedì 18 maggio 2015

Tu sei il Pellegrino di Te stesso




Tu non sei un motore immobile : 
sei un motore che si muove, e proprio perché il moto è in Te puoi trasmetterlo a noi.
Tu sei il dio dell’essere e il Dio del divenire, il Dio dell’evento e del fatto perché il tuo essere è un continuo farsi ­­Tu non sei ciò che sei, in una eterna immobilità, ma divieni ciò che sei, in un eterno moto; Tu divieni ciò ciò che diventi, in un farTi senza inzio né termine, né soste.
Per questo la tua vita è il vivere.
E questo evento perenne che è il tuo vivere è il rapporto che tu intrattieni con Te stesso. Tu sei il Dio che parla. Eppure sei anche il silenzio: ma non un silenzio muto. Il tuo silenzio è la parola, è il Verbo che Ti dice totalmente perché Tu, Padre , dici a Lui totalmente Te stesso. Te, è pieno della tua comunità e del tuo dialogo immanente. Tu sei un Dio che conosce l’Altro e alberga l’Altro entro di sé; e l’Altro è ancora se stesso, nella esperienza unica di un’alterità e di una comunione che pienamente combaciano.Tu sei un Dio che parla. 
Tu sei un Dio che ascolta e alberga in sé l’alterno moto del dare e del ricevere.
Tu esisti e vivi perché sei in rapporto con Te stesso; ed è il tuo interno discorrere che costituisce le tue Persone, le fa sussistere nel loro reciproco incontrarsi. 
Tu sei il dio dell’incontro.
Tu sei uno ma non sei monolitico.
Tu sei articolato e la tua unità nasce dal pluralismo.
Oh, si, Signore; per essere uno hai dovuto essere più di uno: una pluralità una comunità, una comunicazione, una comunione.
Tu conosci la crisi, una crisi a puro livello metafisico, subitamente risolta in un attimo solo e senza spazio, ma che ci insegna come ha valore ciò che è provato e conquistato. 
Tu Dio, hai conquistato Te stesso. 
La Trinità è la crisi di una facile e falsa unità è la dialettica che cementa la comunione.
Tu conosci la povertà.
Tu conosci l’ospitalità,
tu versi eternamente e totalmente una persona nell’altra.
Il tuo vivere è il perenne svuotarsi e riempirsi di Te stesso.
Tu sei un eterno pellegrino, in cerca di accoglienza e sei anche colui che Ti accoglie. 
Tu sei l’ospite che bussa alla porta e l’ospite che apre.
Nella tua immisurabile distanza Tu, Dio, sei fatto come noi e noi ci hai fatti come Te.
Dio in perenne crisi e in perenne catarsi, Dio del divenire e del vento, dell’ascolto, del dialogo, del dare e del ricevere, del pluralismo, del dinamismo, del rapporto; Dio povero e ospitale, pellegrino e accogliente: 
Tu sei veramente il nostro Dio e il nostro modello esistenziale.
Tu ci insegni che la vera unità è quella che si costruisce sulla pluralità e che il vero silenzio è denso di parola. 
Ci insegni che non si vive da soli e che non c’è l’io senza il tu. 
Ci insegni ad uscire da noi stessi e ad accogliere l’altro perché è in questo perderci che ci troviamo nell'altro e l’altro in noi. 
Tu ci insegni l’ascolto e l’accoglienza, ci fai la grazia del dare e del ricevere. Oh Dio, nostro modello, rendici di più tua immagine!







1 commento:

  1. It's just I think Cheap Archeage Gold I really know the position you're in because I have lived it at length. You cannot change her, you must change yourself so you can just deal with her. When you do that, you might find that's Archeage Gold she's not so bad and you can be friends. I'm like pollyanna though, I just think that people should find the good in Buy RS Gold others and shrug off the bad, if you love someone that Buy Archeage Gold is the greatest thing.

    RispondiElimina